Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

IL PROGETTO GEOTERM

Il progetto GEOTERM si propone di valutare l'idoneità e le potenzialità del territorio della Provincia Autonoma di Trento ad ospitare diffusamente impianti di scambio termico con il sottosuolo accoppiati a pompa di calore per la climatizzazione (sistemi di geoscambio) e di fornire, in forma cartografica, i risultati del lavoro. La realizzazione della mappa del potenziale di geoscambio del territorio provinciale rappresenta appunto uno degli obiettivi dello studio, costituendo uno strumento flessibile e dinamico, utile alla corretta progettazione degli impianti di geoscambio, nonché allo sviluppo responsabile e sostenibile di questa tecnologia.

 

 

La soluzione geotermica è tra le opzioni più valide per ridurre la dipendenza dall’importazione di risorse energetiche fossili, ridurre le emissioni clima-alteranti e migliorare l’efficienza energetica nella climatizzazione degli edifici. I risultati del Progetto GEOTERM rappresentano anche un ottimo punto di partenza per affermare il nuovo paradigma energetico legato alla generazione diffusa e distribuita di energia da fonti rinnovabili locali

Numerose cartografie ad elevata risoluzione spaziale e un ampio database arricchiscono questo studio: l’analisi microclimatica e della radiazione solare, la valutazione della potenza termica e dei fabbisogni energetici per il riscaldamento, la caratterizzazione delle proprietà termofisiche e termo-idrogeologiche del sottosuolo (conducibilità termica, capacità termica, gradiente geotermico, temperatura indisturbata e assetto termico ed idraulico degli acquiferi superficiali nella Valle dell’Adige). Da esse è stato valutato il potenziale di geoscambio per impianti a sonde geotermiche verticali, per impianti a circuito aperto e per l’accumulo di calore solare nel sottosuolo. 

L’intero studio che produrrà la mappa dello scambio geotermico rappresenta non solo un valido strumento di supporto per la progettazione geotermica e un contributo alla conoscenza e tutela del sottosuolo. Infatti, ogni possibile utilizzo del sottosuolo, nello specifico della risorsa geotermica, deve essere opportunamente disciplinato e deve prevedere una specifica analisi dell’impatto sull’ambiente sotterraneo, che può essere condotto solo con una adeguata conoscenza delle caratteristiche geologiche ed idrogeologiche locali, al fine di poterne garantire la eco-sostenibilità.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere alla dott.sa geol. Paola Visintainer 0461/495212

Progetto finanziato dall'Agenzia Provinciale per l'Incentivazione Attività Economiche (APIAE) - Provincia Autonoma di Trento
Coordinatore: Fondazione Bruno Kessler - Unità ARES (Applied Research on Energy Systems)
Partner: Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Geoscienze
In collaborazione con: Servizio Geologico della Provincia Autonoma di Trento

DOWNLOAD POSTER E PRESENTAZIONI CONVEGNO 5 DICEMBRE 2016

 
ALLEGATI:
COLLEGAMENTI