Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

Prova di compressione triassiale

 
Prova compressione triassiale

Prova eseguita secondo UNI CEN ISO/TS 17892

Le caratteristiche di resistenza di un terreno  vengono determinate portando a rottura almeno tre provini attraverso l’applicazione di pressioni che vengono opportunamente distribuite sui tre assi del provino.

La prova triassiale viene condotta attraverso uno dei seguenti metodi:

    - consolidata drenata (prova CD)

    - consolidata non drenata (prova CU)

    - non consolidata non drenata (prova UU)

In ogni caso vengono tracciati i cerchi di Mohr che rappresentano lo stato tensionale di ciascun provino, il cui inviluppo fornisce i parametri della resistenza al taglio.

I primi due metodi consentono di determinare l’angolo di attrito  e la coesione in tutti i tipi di terreno. Il terzo permette di trovare la sola coesione ed è pertanto consigliato per suoli coesivi in cui l’angolo di attrito non è un parametro significativo.

La triassiale inoltre consente di valutare altre caratteristiche geotecniche quali ad esempio la pressione di preconsolidazione, il grado di saturazione iniziale, le caratteristiche di consolidazione (t100).    Questa prova può essere  condotta sia sui campioni  indisturbati, sia  su  provini ricostituiti con le caratteristiche richieste.  Per    l’applicazione delle pressioni il provino viene sistemato in una cella triassiale la cui funzione è quella di permettere l’applicazione di una pressione isotropa, la consolidazione attraverso adeguati circuiti di drenaggio e la rottura attraverso l’applicazione del carico assiale trasmesso al provino tramite un pistone verticale.

La strumentazione impiegata consente l’applicazine delle pressioni con la risoluzione di 0,2 kPa grazie ad un sistema di controllo automatico, la lettura delle grandezze fisiche per mezzo di trasduttori collegati ad una centralina di acquisizione dati automatica e l’applicazione di una pressione deviatorica di rottura con apposita pressa triassiale in grado di rompere il provino a deformazione controllata.