Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

Carta di Sintesi della Pericolosità

NOVITA' 19 luglio 2019: nuova adozione preliminare della carta di sintesi della pericolosità su tutto il territorio provinciale e aggiornamento delle indicazioni e precisazioni per l’applicazione delle “Disposizioni tecniche per la redazione della Carta di Sintesi della Pericolosità”

 

 

La legge provinciale 1 luglio 2011, n. 9 “Disciplina delle attività di protezione civile in provincia di Trento” pone in capo alla Provincia il compito di previsione dei pericoli e dei rischi (art. 6, comma 3) mediante la redazione e l’aggiornamento delle “carte della pericolosità” (art. 10, comma 1) che riguardano i pericoli connessi a fenomeni idrogeologici, valanghivi, alluvionali, sismici, a incendi boschivi, a determinate sostanze pericolose, a cavi sospesi o ad altri ostacoli alla navigazione aerea e ad ordigni bellici inesplosi.

Tali strumenti costituiscono la base di riferimento per definire la Carta di Sintesi della Pericolosità, prevista dall’art. 22 della legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15 (Legge provinciale per il governo del territorio), la quale individua le aree a diversa penalità ai fini dell’applicazione delle disposizioni relative all’uso del territorio previste dalle legge provinciale 27 maggio 2008, n.5 “Approvazione del nuovo piano urbanistico provinciale”.

In particolare, la Carta di Sintesi della Pericolosità è uno degli elementi costituenti il Piano Urbanistico Provinciale PUP (comma 4, lettera d, dell'articolo 21 della legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15 e comma 1 dall'articolo 3 della legge provinciale 27 maggio 2008, n. 5) e ha il compito di individuare le aree caratterizzate da diversi gradi di penalità ai fini dell'uso del suolo, in ragione della presenza dei pericoli idrogeologici, valanghivi, sismici e d'incendio boschivo, descritti nelle Carte della Pericolosità (articolo 10 della legge provinciale 1 luglio 2011, n. 9 e articolo 14 dalle legge provinciale 27 maggio 2008, n.5).

In materia di pericolo, la Carta di Sintesi della Pericolosità rappresenta il nuovo strumento di riferimento per la pianificazione urbanistica e con la sua approvazione (comma 2, art. 22 della legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15) cessano di applicarsi le disposizioni della Carta di sintesi geologica e le disposizioni in materia di uso del suolo del Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche (PGUAP).

DIAGRAMMA_CP

Con deliberazione n°1078 del 19 luglio 2019 la Giunta provinciale ha approvato l'ultima versione delle Disposizioni tecniche per la redazione della Carta di Sintesi della Pericolosità".

Esse, in coerenza con quanto previsto dall'articolo 14 della legge provinciale 27 maggio 2008, n.5, stabiliscono, a partire dalle differenti Carte della Pericolosità, le disposizioni tecniche e la metodologia per la redazione della Carta di Sintesi della Pericolosità e le procedure per l’identificazione delle aree caratterizzate da diversi gradi di penalità, nonché dagli ambiti fluviali di interesse idraulico del Piano Generale per l'Utilizzazione delle Acque Pubbliche.

LEGENDA_CSP

La Giunta Provinciale con la deliberazione n. 1630 del 7 settembre 2018 ha approvato lo stralcio della Carta di Sintesi della Pericolosità relativo ai territori del Comune di Trento e dei Comuni di Aldeno, Cimone, Garniga Terme, del Comune di Caldonazzo e territorio dei comuni compresi nella Comunità Rotaliana-Königsberg e ha approvato le “Indicazioni e precisazioni per l’applicazione delle disposizioni concernenti le aree con penalità elevate, medie o basse e le aree con altri tipi di penalità”.

Nota: Con deliberazione n° 1080 del 19 luglio 2019 è stata rettificata la Delibera di cui sopra nell'allegato C relativo alle “Indicazioni e precisazioni per l’applicazione delle disposizioni concernenti le aree con penalità elevate, medie o basse e le aree con altri tipi di penalità” e nel modello denominato Allegato C1.

I contenuti cartografici della CSP approvata sono disponibili in rete per chiunque tramite web-gis con la possibilità di visualizzare le cartografie tema per tema e di scaricare i PDF multi layer alla scala 1:10.000.

 

Accedi al WEBGIS (ArcGis Online)

(GUIDA D'USO WEBGIS AGOL)

LEGENDA_STRALCIO

Fase di adozione preliminare delle cartografie

La Giunta Provinciale con deliberazione n°1080 del 19 luglio 2019 ha adottato preliminarmente su tutto il territorio provinciale la CSP dando avvio alla fase di partecipazione dei comuni territorialmente interessati ai sensi del comma 7 dell’art. 10 della l.p. 9/2011 estendendo la consultazione, con possibilità di produrre osservazioni, anche ai cittadini.

Le Carte della Pericolosità adottate in via preliminare, per quanto riguarda il territorio dello stralcio approvato con deliberazione G.P. n. 1682 del 14 settembre 2018 (territorio del Comune di Trento e dei Comuni di Aldeno, Cimone, Garniga Terme e al territorio dei comuni compresi nella Comunità Rotaliana-Königsberg), assumono valenza di proposta di primo aggiornamento delle cartografie dello stralcio stesso (CaP e CSP).

Si precisa che nei territori dello stralcio dal punto di vista normativo e cartografico (CaP e CSP) fino ad approvazione del primo aggiornamento rimane in vigore ciò che è stato approvato con la deliberazione n. 1682 del 14 settembre 2018

Pertanto nel restante territorio provinciale rimangono ancora in vigore la Carta di sintesi geologica e la Carta del rischio idrogeologico del PGUAP e risultano ancora consultabili le Carte della pericolosità e la Carta di sintesi della pericolosità adottate preliminarmente dalla Giunta provinciale nel 2019.

 

Accedi al WEB GIS (AGOL) delle Carte della pericolosità e della Carta di sintesi della pericolosità adottate preliminarmente nel 2019 dalla Giunta provinciale

 

Download cartografia

Il Download delle singole sezioni della Carta come file PDF multilayer può essere fatto dal Sito internet dell'Urbanistica o dalla sezione "Download Cartografia" del Portale di PC

NB: Si fa presente che la corretta visualizzazione interattiva delle mappe dipende anche dal brower utilizzato. Nell'eventualità di un mancato funzionamento, sarà necessario scaricare il file sulla propria macchina e procedere all'apertura con ADOBE READER.

 

 
Altre informazioni si possono reperire: