Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

Carte della Pericolosità

La PAT in attuazione dell’art. 10 della l.p. 1 luglio 2011, n.9, ha redatto Le Carte della Pericolosità della Provincia Autonoma di Trento (in seguito nominate CaP).

 

Le CaP prendono in considerazione i pericoli connessi a fenomeni idrogeologici, valanghivi, alluvionali, sismici, a incendi boschivi, a determinate sostanze pericolose, a cavi sospesi o ad altri ostacoli alla navigazione aerea e ad ordigni bellici inesplosi.

Si tratta di una serie di strumenti che sono il risultato dell’attività di previsione della protezione civile (art. 1 l.p. 9/2011) che si esplica con l’identificazione, la perimetrazione e la classificazione dei pericoli e dei rischi presenti sul territorio.

Le CaP rappresentano gli strumenti di base per le attività di prevenzione (attività dirette all'eliminazione o alla riduzione dei rischi, sia mediante misure di carattere prescrittivo e vincolistico per un corretto uso del territorio, sia mediante interventi strutturali) e protezione (le attività, prevalentemente di carattere pianificatorio, organizzativo, culturale e formativo, e gli interventi gestionali diretti a mitigare gli effetti dannosi derivanti dai rischi non eliminabili tramite l'attività di prevenzione) della protezione civile.

In tale ottica le CaP costituiscono la base di riferimento per la realizzazione di due importanti strumenti di gestione del territorio: la Carta Generale dei Rischi prevista dalla l.p. 9/2011 e la Carta di Sintesi della Pericolosità (vedi Sito Urbanistica) prevista dall’art. 22 della Legge provinciale per il governo del territorio l.p. n. 15 del 2015.

Con l’entrata in vigore della Carta di Sintesi della Pericolosità (in seguito CSP) cessano di applicarsi le disposizioni e le cartografie della Carta di Sintesi Geologica di cui alla L.P. 7 agosto 2003, n. 7 e cessano di applicarsi le disposizioni del PGUAP in materia di uso del suolo, posto che la disciplina della nuova Carta soddisfa i requisiti e i principi stabiliti, sotto il profilo urbanistico, dal capo IV - Aree a rischio idrogeologico delle norme del PGUAP (art. 22, comma 2 della l.p. n. 15/2015 “legge provinciale per il governo del territorio”)

La Giunta provinciale con deliberazione n° 787 del 19 maggio 2017 ha approvato i “Criteri e metodologia per la redazione e l’aggiornamento delle carte della pericolosità”, definendo i criteri per perimetrare e classificare i fenomeni attesi con gradi di pericolosità differenziati in funzione dei livelli di intensità e di probabilità degli eventi nelle diverse aree in cui possono manifestarsi e i criteri per la loro rappresentazione unificata sull’intero territorio provinciale.

Le CaP trattano le seguenti tipologie di pericolo:

PERICOLOSITÀ IDROGEOLOGICA

Pericolosità fluviale

Pericolosità torrentizia

Pericolosità lacuale

Frane

Crolli rocciosi

Deformazioni gravitative profonde di versante (DGPV)

Valanghe

Ghiacciai e Piccola Età Glaciale (PEG)

Permafrost e Rock glacier

Caratteristiche lito-geomorfologiche

ALTRE PERICOLOSITA'

Pericolosità sismica – link pagina dedicata

Incendi boschivi

Ordigni bellici inesplosi

Sostanze pericolose

Cavi sospesi e ostacoli alla navigazione aerea

 

Le strutture provinciali coinvolte nel lavoro, pertanto, sono il Servizio Geologico, il Servizio Prevenzione Rischi, il Servizio Antincendi e protezione civile, il Servizio Bacini montani e il Servizio Foreste e Fauna.

Con deliberazione n°788 del 19 maggio 2017 la G.P. ha adottato le CaP dando avvio alla fase di partecipazione dei comuni territorialmente interessati ai sensi del comma 7 dell’art. 10 della l.p. 9/2011 estendendo la consultazione, con possibilità di produrre osservazioni, anche ai cittadini.

Con deliberazione n°772 del 19 maggio 2017 la G.P. ha adottato la CSP e le relative disposizioni applicative dando avvio alla fase di partecipazione dei comuni e dei cittadini attuata contestualmente a quella delle CaP.

I contenuti cartografici delle CaP e della CSP sono disponibili in rete per chiunque tramite un web-gis appositamente predisposto mediante il quale sarà possibile visualizzare le cartografie tema per tema con la possibilità di scaricare i PDF multi layer alla scala 1:10.000.

Le CaP che riguardano gli Ordigni bellici inesplosi, le Sostanze pericolose e i Cavi sospesi e gli Ostacoli alla navigazione aerea, al momento, non sono disponibili nel visualizzatore integrato di cui sopra ma solo come PDF, in quanto realizzate a scala più piccola:

- PDF Carta Pericolosità Ordigni bellici inesplosi

- PDF Carta Pericolosità Ostacoli alla navigazione aerea

- PDF Carta Pericolosità Sostanze Pericolose

FASE DI PARTECIPAZIONE: chiunque sia interessato può, entro 180 giorni a partire da sabato 27 maggio, presentare osservazioni in merito alla proposta di approvazione delle Carte della pericolosità e della Carta di sintesi della pericolosità, approvate in via preliminare dalla Giunta provinciale il 19 maggio. Le osservazioni vanno inviate a: Provincia autonoma di Trento, Servizio Urbanistica e tutela del paesaggio, via Mantova 67, 38122 Trento, e-mail serv.urbanistica@pec.provincia.tn.it.
Il termine per la presentazione delle osservazioni, prorogato con deliberazione n. 1210/2017, scade mercoledi' 22 novembre 2017.

Accedi al WEBGIS (ArcGis Online)

Il Download delle singole sezioni della Carta come file PDF multilayer può essere fatto dal Sito dell'Urbanistica o selezionando le tavole di interesse dall'apposito applicativo ADOBE FLASH.

NB: Si fa presente che la corretta visualizzazione interattiva delle mappe dipende anche dal brower utilizzato. Nell'eventualità di un mancato funzionamento, sarà necessario scaricare il file sulla propria macchina e procedere all'apertura con ADOBE READER.