Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

Introduzione

Testi: M.Avanzini, M.Galetto, C.Lauro, G.Tommasi
Disegni e foto: M.Avanzini, archivio MTSN

 
Orme Lavini

Il Trentino dei dinosauri: i Lavini di Marco in Val Lagarina

I geositi o geotopi, sono luoghi che testimoniano in modo particolarmente significativo l'evoluzione della crosta terrestre o l'influenza che questa ha avuto sullo sviluppo della vita e dell'uomo. Includono dunque affioramenti di rocce, suoli, fluidi, minerali e fossili o anche particolari forme del paesaggio e fenomeni naturali.

Questi siti sono contraddistinti da particolare significato per esemplarità, unicità, bellezza, interesse scientifico o didattico, oppure per il particolare rilievo che hanno avuto nello sviluppo antropico e culturale del luogo. In generale, i geositi costituiscono risorse non rinnovabili, ed è per questo che la loro valorizzazione e tutela assume grande importanza.

Quando i dinosauri popolavano il nostro pianeta (da 230 a 65 milioni di anni fa), il Trentino era molto diverso da come lo vediamo oggi; le rocce che costituiscono le sue montagne ci raccontano il lento trasformarsi di una fangosa piana costiera in mare tropicale, il tremare della terra sotto la spinta di vulcani sottomarini, il successivo sollevarsi dei fondali in catene montuose.

Durante gli ultimi decenni i paleontologi hanno scoperto molti nuovi dinosauri e hanno dato sempre più importanza allo studio delle loro impronte.

Proprio perché ricco di aree che testimoniano le tracce di grandi rettili estinti, il Trentino è divenuto così in pochi anni un territorio molto interessante. Si trovano orme di dinosauri in diverse località, tutte però conservate in rocce di epoca giurassica (tra 202 e 140 milioni di anni fa) comprese nella Formazione dei Calcari Grigi (i geologi chiamano Formazione un pacco di strati rocciosi con aspetto, composizione e contenuto fossilifero simile).

Ma perchè sono così interessanti le orme lasciate da questi grandi rettili?

Dalla loro analisi, a milioni di anni di distanza, possiamo ricavare molte informazioni che ci permettono di ricostruire l'aspetto, il modo di vita, l'evoluzione e l'adattamento al territorio degli animali che le hanno lasciate.

IN CIFRE  

1990anno della scoperta
190 - 200età (in milioni di anni) delle tracce fossili
1.000.000superficie (in metri quadri) esposta con impronte fossili
+ di 1000numero di impronte finora scoperte
280numero di orme finora studiate
46numero di piste individuate
24impronte in sequenza nella pista più lunga
14lunghezza in metri della pista più lunga
18tipi diversi di orme (e di dinosauri)
3tipi di orme presenti solo in questo sito
80le orme di dinosauri carnivori finora classificate
9i tipi diversi di dinosauri carnivori
38lunghezza (in cm) dell'orma più grande
7lunghezza (in cm) dell'orma più piccola
11lunghezza (in metri) del dinosauro più grande
1,20lunghezza (in metri) del dinosauro più piccolo
20 - 25°la temperatura media annua dei Lavini nel Giurassico inferiore