Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 
Siete in:  Home / Prevenzione e Territorio / Geologia / Idrogeologia

Idrogeologia

Idrogeologia

L'idrogeologia è un settore cui fanno riferimento molte attività in corso:
Mantenimento dell'archivio delle sorgenti
Studi di sorgenti specifiche, per la determinazione delle zone di ricarica e per la delimitazione delle aree di rispetto e protezione
Studi sulle vallate principali (pozzi profondi, indagini geofisiche)
Costruzione di un archivio dei pozzi
Costruzione di un archivio delle grotte (in collaborazione con la S.A.T.)
Studi sulle acque minerali

 
  • Sorgenti

    COSA SI INTENDE PER SORGENTE?

    Se per sorgente si intende un punto in cui vengono a giorno acque sotterranee, è chiaro che in ambiente montano situazioni di questo tipo si incontrano con grande frequenza, anche se molte di queste hanno scarsa persistenza nel tempo e portata minima.

     
  • Studio Conca Terlago

    Nei primi anni 90 il Servizio Geologico ha intrapreso una serie di studi volti alla caratterizzazione geologica ed idrogeologica della conca di Terlago stimolato dall’esigenza di reperire risorse idriche da destinare all’irrigazione.

     
  • Acqua Forte di Vetriolo

    La sorgente Acqua Forte di Vetriolo per l'elevata acidità e il chimismo particolarmente ricco in sali e metalli delle sue acque, è stata oggetto di interesse fin dai primi anni '70 da parte di molti studiosi. Queste particolari caratteristiche infatti ne fanno un unicum sotto il profilo terapeutico.

    La sorgente è costituita da una serie piccole emergenze, rilevabili all'interno della galleria di carreggio della miniera ad una quota di 1580 m. s.l.m., le cui acque vengono convogliate in un'opera di presa posizionata all'interno della struttura in muratura che protegge l'accesso all'opera mineraria.

    L'interesse mostrato dal Servizio Geologico verso queste acque, è rivolto alla comprensione del modello idrogeologico locale, alla ricerca delle eventuali relazioni esistenti tra portata, temperatura, conducibilità elettrica, pH e piovosità e alla definizione del bacino di alimentazione che pare non avere le connotazioni tipiche di un bacino imbrifero normalmente inteso.

     
  • Il Progetto MIB

    Monitoraggio idrogeologico Dolomiti di Brenta