Protezione Civile - Provincia Autonoma di Trento

Logo stampa
 
 
Facebook Twitter
 
 

Tonalite dell'Adamello

 
Tonalite dell'Adamello

Nome petrografico: tonalite

Tipo: Roccia magmatica intrusiva

Descrizione macroscopica: Roccia di colore grigio con frequenti minerali femici di colore scuro. La roccia è compatta, massiccia, non presenta cavità o fratture.

Formazione Geologica: Plutone dell'Adamello

Zona Strutturale di Appartenenza: Massiccio dell'Adamello - Presanella.

Ambiente genetico: Le rocce intrusive o plutoniche sono il prodotto della cristallizzazione di magmi in camere magmatiche situate all'interno della crosta terrestre. Il Batolite dell'Adamello è costituito da un sistema di plutoni, messi in posto in un periodo geologico relativamente recente compreso tra 42 e i 28 milioni di anni. Le forze erosive hanno portato alla luce le intrusioni dell'Adamello, asportando gran parte delle coperture sedimentarie che lo ricoprivano.

Età Geologica: Terziario antico

 

DESCRIZIONE PETROGRAFICA*

Roccia plutonica a composizione tonalitica a struttura fanerocristallina a grana medio-grossolana, granulare, ipidiomorfa. La composizione mineralogica è data da plagioclasi idiomorfi, zonati, geminati polisinteticamente e freschi; anfibolo orneblenditico pleocroico verde e biotite a pleicroismo bruno tendenzialmente subidiomorfi-allotriomorfi e freschi; quarzo allotriomorfo, interstiziale fratturato ad estinzione ondulata. Accessori: apatite, zircone ed opachi.

Risultati dell'analisi chimica*:

L'analisi in fluorescenza a raggi X (XRF ovvero X-Ray Fluorescence) è una tecnica di analisi chimica quantitativa eseguita sulle polveri (pasticca) o sul materiale fuso (perla di vetro). Questo tipo di analisi consente di rilevare e quantificare tutti gli elementi dal Boro all'Uranio.

% peso
p.p.m.
SiO2
64,23
V
86
TiO2
0,53
Cr
10
Al2O3
15,69
Ni
6
Fe2O3
4,58
Cu
4
MnO
0,11
Zn
55
MgO
2,45
Rb
101
CaO
4,7
Sr
212
Na2O
2,72
Y
10
K2O
2,64
Zr
96
P2O5
0,1
Nb
8
LOI
2,26
Ba
268
T0T.
100,01
La
23
Ce
48
Pb
19
Th
17



(*) L'analisi petrografica e l'analisi chimica i fluorescenza sono state eseguite dal Prof. G.M: Bargossi del Dipartimento di Scienze della Terra e Geologico-Ambientali dell'Università di Bologna.

 

INFORMAZIONI ESTRATTIVE

Cava di Provenienza: cava "Ponte Rosso", in Val di Genova, nel comune di Strembo. L'attività, iniziata con la coltivazione dei massi di maggiori dimensioni estratti dal detrito, è stata recentemente impostata su roccia in sito. Sono attive n. 3 cave con sospensione invernale dell'estrazione che ammonta ad alcune migliaia di mc di roccia all'anno.
La produzione mercantile è di 11.000/12.000 ton anno -all'estrazione sono occupate 7 persone compresi i titolari.
Luogo di lavorazione del materiale: stabilimento ubicato in zona industriale nel Comune di Carisolo.
Campo di utilizzo: per tutte le applicazioni edilizie in campo edile ed ornamentale (per pavimenti, rivestimenti, scale, fontane, colonne, archi, monumenti, ecc...)
Tipo di lavorazione superficiale: anticatura, lucidatura, levigatura

 

 RISULTATI PROVE DI CARATTERIZZAZIONE FISICO - MECCANICA

Prove di laboratorio eseguitevalore medioValore minimoValore massimoValore minimo atteso*
Assorbimento d’acqua a pressione atmosferica (% massa)0.380.360.38 
Resistenza a compressione monoassiale (MPa)192183202175
Resistenza alla compressione dopo 48 cicli gelo-disgelo (MPa)201142227134
Resistenza alla flessione (MPa)12.811.416.49.7
Resistenza alla flessione dopo 48 cicli gelo-disgelo (MPa)14.311.916.411.2
Resistenza all’abrasione (mm)17.016.417.9 
Resistenza allo scivolamento (su superficie sottoposta a fiammatura)NPD   
Nome petrograficoTonalite

(*):Vedi nota C.2 dell'Appendice C in Norma UNI EN 1926:2000.

NPD: In base alla nota 1 punto 4.5 delle Norme UNI EN 1341:2003, 1342:2003 le lastre e i cubetti con finiture rustiche (ovvero con più di 2 mm di differenza tra picchi e depressioni, come da punto 3.11 di entrambe le norme) non possono essere sottoposte a prova in modo affidabile. Si presume comunque, data il loro alto grado di rugosità, che offrano una resistenza soddisfacente allo slittamento.

In questo studio sulle pietre ornamentali del Trentino si sono eseguite le prove di caratterizzazione fisico-meccanica secondo le seguenti normative europee riguardanti le pavimentazioni esterne:

  • UNI EN 1341 Lastre di pietra naturale per pavimentazioni esterne.
  • UNI EN 1342 Cubetti di pietra naturale per pavimentazioni esterne.
  • UNI EN 1343 Cordoli in pietra naturale per pavimentazioni esterne.

In queste norme sono contenute le seguenti prove di laboratorio:

PROVE RICHIESTENORMA DI RIFERIMENTO PER IL METODO DI PROVA
Resistenza a flessioneUNI EN 12372
Resistenza al gelo (a flessione)UNI EN 12371
Resistenza a compressioneUNI EN 1926
Resistenza al gelo (a compressione)UNI EN 12371
Resistenza all’usura per abrasioneAppendice C UNI EN 1341
Resistenza allo scivolamentoAppendice D UNI EN 1341
Assorbimento d’acqua a pressione atmosfericaUNI EN 13755